BLOG
Gli Atenei e la Rete: quanto, come e chi ne parla?
Si può guardare agli Atenei da tanti punti di vista. Il Censis, che ogni anno stila una classifica degli Atenei, guarda a cinque criteri dal lato dell’offerta: Strutture, Servizi, Borse di Studio, Siti Web, Internazionalizzazione; AlmaLaurea si occupa di valutare l’esito dei percorsi di studio in termini occupazionali. QS University Ranking invece punta molto sugli aspetti legati alla ricerca e all’internazionalizzazione. VOICES from the Blogs, spinoff universitario, ha invece deciso di occuparsi dell’Università dal punto di vista della presenza in Rete e del passaparola on-line. In attesa della classifica degli Atenei, che uscirà in autunno, ecco alcuni dati in anteprima su quanto se ne parla, chi ne parla e come se ne parla. Anche se l’analisi completa riguarderà anche altri canali social oltre che forum e siti web, ecco i primi risultati basati sull’analisi di oltre 236mila Tweet raccolti tra gennaio e inizio luglio 2017. Si tratta dei tweet in cui vengono menzionati gli account ufficiali degli stessi Atenei.
Figura 1: Numero di menzioni su Twitter degli Atenei italiani. Elaborazione VOICES ANALYTICS®
Chi ne parla? Poco gli studenti! Il 36% di chi cita gli Atenei sono le Istituzioni (atenei compresi), il 23% gli organi di stampa e solo il 9% sono studenti segno che questi utilizzano altri canali (forum dedicati, ecc) per parlare dell’università. Il rimanente 32% è un commentatore generico non riconducibile in modo chiaro alle categorie precedenti.
Figura 2. Le community che menzionano gli Atenei. Elaborazione VOICES ANALYTICS®
Come se ne parla? Saldo Positivo! Al netto di un 70% di tweet che riportano notizie ed eventi ma senza esprimere una opinione specifica, il 19% circa parla in termini positivi del sistema universitario italiano a fronte di un 11% di commenti negativi. In generale, stampa (occasionalmente) e studenti (in più larga misura) sono più emozionali nelle loro comunicazioni on-line. Cosa piace? Non solo lezioni ed esami! Come si scompone quel 19% di commenti positivi? Diciamolo, gli Atenei non sono solo lezioni ed esami ma, soprattutto, cultura e scienza. Infatti, ben un quarto dei commenti positivi riguarda iniziative extra-curriculari come eventi scientifici e culturali, laboratori, altre attività e sono in larga parte studenti e stampa a commentare in tal senso; il 19% circa apprezza le capacità didattiche dei docenti e il livello della ricerca e il 16% l’offerta didattica. Fanalino di coda: le strutture (8%) e il livello di internazionalizzazione (6%). Un residuale quarto invece parla di una miriadi di altri temi minori ma degni di apprezzamenti riguardanti specifici Atenei.
Figura 3. Punti di forza e di debolezza dei nostri Atenei. Elaborazione VOICES ANALYTICS®
Cosa non va? Le strutture ancora non sono adeguate. Tra chi commenta negativamente, il tema ricorrente sono sicuramente le strutture (22%) e, paradossalmente si criticano con la stessa intensità proprio le attività extracurriculari da parte di chi sostiene che le Università dovrebbero limitare tutte le attività che non riguardino il loro core. Non mancano critiche alla docenza (9%) e alla scarsa internazionalizzazione (7%). Oltre un terzo dei dati invece riguarda critiche generiche e insoddisfazione quotidiana non ascrivible a nessuna delle categorie analizzate. Di chi si parla di più? Sapienza in testa, a seguire molti Atenei del nord. Senza anticipare nulla del ranking on-line che andrà a valutare in dettaglio i temi sopra accennati per tutti gli Atenei italiani, ci limitiamo a fornire la classifica in termini del numero di menzioni dirette degli account ufficiali dei primi 30 tra i mega (con più di 40000 iscritti) e grandi (tra 20000 e 40000 iscritti) Atenei pubblici e privati, secondo la definizione del Censis.
Figura 4. Numero di menzioni su Twitter degli account ufficiali dei primi 30 Atenei italiani grandi e mega secondo la definizione del Censis. Elaborazione VOICES ANALYTICS®
Il ranking dei primi 30 Atenei sull'insieme di tutti gli Atenei, indipendentemente dalla loro natura pubblica o privata e dalle dimensioni, è riportato nella figura seguente che evidenzia come la dimensione non è sempre legata alla comunicazione.
Figura 5. Numero di menzioni su Twitter dei primi trenta account ufficiali degli Atenei italiani, pubblici e privati, indipendentemente dalla dimensione. Elaborazione VOICES ANALYTICS®